Aiutaci a rendere la trasparenza alimentare la norma!

Come organizzazione senza scopo di lucro, dipendiamo dalle vostre donazioni per continuare a informare i consumatori di tutto il mondo su ciò che mangiano.

La rivoluzione alimentare inizia da te!

Effettua una donazione
arrow_upward

Frutta C X 1 Astuccio - Golia - 46 g

Frutta C X 1 Astuccio - Golia - 46 g

Questa pagina del prodotto non è completa. Puoi aiutarci a completarla modificandola e aggiungendo altri dati dalle foto che abbiamo, o scattando altre foto usando l’applicazione per Android o iPhone/iPad. Grazie! ×

Codice a Barre: 80737063

Quantità: 46 g

Marche: Golia

Categorie: Snack, Snack dolci, Dolci, Caramelle, Caramelle dure

Etichette, certificazioni, premi: Zucchero basso o assente, Senza glutine, Senza zucchero

Paesi di vendita: Francia, Italia, Spagna, Svizzera

In linea con le tue preferenze

Salute

Nutrizione

  • icon

    Nutri-Score C

    Qualità nutrizionale nella media
    • icon

      Cos'è il Nutri-Score?


      Il Nutri-Score è un logo sulla qualità nutrizionale complessiva dei prodotti.

      Il punteggio dalla A alla E è calcolato secondo i nutrienti e gli alimenti da preferire (proteine, fibre, frutta, verdura e legumi ...) e i nutrienti da limitare (calorie, grassi saturi, zuccheri, sale). Il punteggio viene calcolato dai dati della tabella dei valori nutrizionali e i dati di composizione (frutta, verdura e legumi).

    icon

    Punti negativi: 3/55

    • icon

      Energia

      2/10 points (945kJ)

      Gli apporti energetici superiore al fabbisogno sono associati a un aumento dei rischi di aumento di peso, sovrappeso, obesità e consegunte rischio di malattie croniche legate all'alimentazione.

    • icon

      Zuccheri

      0/15 points (0g)

      Un elevato consumo di zucchero può causare aumento di peso e carie. Aumenta anche il rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

    • icon

      Grassi saturi

      0/10 points (0g)

      Un elevato consumo di grassi, in particolare di grassi saturi, può aumentare il colesterolo, che aumenta il rischio di malattie cardiache.

    • icon

      Sale

      1/20 points (0.25g)

      Un consumo elevato di sale (o sodio) può causare un aumento della pressione sanguigna, che può aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus.

    icon

    Punti positivi: 0/17

    • icon

      Proteine

      0/7 points (0g)

      Gli alimenti ricchi in proteine sono solitamente ricchi in calcio o ferro, minerali essenziali, aventi numerosi benefici per la salute.

    • icon

      Fibra

      0/5 points (0g)

      Il consumo di alimenti ricchi in fibre (specialmente gli alimenti integrali), riduce i rischi di tumori aerodigestivi, malattie cardiovascolari, obesità e diabete.

    • icon

      Dettagli del calcolo del Nutri-Score


      ⚠ ️Attenzione: la quantità di frutta, verdura e noci non è specificata sull'etichetta, è stata stimata dalla lista degli ingredienti: 6

      Questo prodotto non è considerato una bevanda per il calcolo del Nutri-Score.

      I punti per le proteine sono contati perché i punti negativi sono inferiori a 11.

      Punteggio nutrizionale: 3 (3 - 0)

      Nutri-Score: C

  • icon

    Livelli di nutrienti


    • icon

      Zuccheri in basse quantità (0%)


      Cosa hai bisogno di sapere
      • Un elevato consumo di zucchero può causare aumento di peso e carie. Aumenta anche il rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

      Consiglio: Limitare il consumo di zucchero e bevande zuccherate
      • Le bevande zuccherate (come bibite gassate, bevande alla frutta, succhi di frutta e nettari) dovrebbero essere limitate il più possibile (non più di 1 bicchiere al giorno).
      • Scegli prodotti a basso contenuto di zuccheri e riduci il consumo di prodotti con zuccheri aggiunti.
    • icon

      Sale in basse quantità (0.25%)


      Cosa hai bisogno di sapere
      • Un consumo elevato di sale (o sodio) può causare un aumento della pressione sanguigna, che può aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus.
      • Molte persone che hanno la pressione alta non lo sanno, poiché spesso non ci sono sintomi.
      • La maggior parte delle persone consuma troppo sale (in media da 9 a 12 grammi al giorno), circa il doppio del livello massimo raccomandato di assunzione.

      Consiglio: Limitare il consumo di sale e cibi salati
      • Ridurre la quantità di sale utilizzato in cottura e non salare più a tavola.
      • Limita il consumo di snack salati e scegli prodotti a basso contenuto di sale.

  • icon

    Valori nutrizionali


    Valori nutrizionali Come venduto
    per 100 g / 100 ml
    Rispetto a: Caramelle dure
    Energia 945 kj
    (227 kcal)
    -23%
    Grassi 0 g -100%
    Acidi Grassi saturi 0 g -100%
    Carboidrati 86 g -9%
    Zuccheri 0 g -100%
    Polialcoli/polioli (alcoli degli zuccheri) 86 g
    Fibra alimentare 0 g -100%
    Proteine 0 g -100%
    Sale 0,25 g +349%
    Frutta‚ verdura‚ noci e olio di colza‚ noci e oliva (stima dall'analisi dell'elenco degli ingredienti) 6 %

Ingredienti

  • icon

    27 ingredienti


    edulcoranti(isomalto, sciroppo di maltitolo, acesulfame K, sucralosio), agente di carica(polidestrosio), succo di frutta 3% (arancia, limone, pompelmo), acidificanti (acido lattico, acido malico, acido citrico), vitamina C (L-ascorbato di sodio), aromi, stabilizzante (glicerolo) concentrato vegetale (cartamo, limone, aronia), estratto di sambuco, colorante (curcumina)
    Allergeni: Latte, Soia
    Tracce: Latte, Soia

Trasformazione alimentare

  • icon

    Alimenti ultra-trasformati


    Elementi che indicano che il prodotto è nel gruppo 4 - Alimenti e bevande ultra lavorati:

    • Additivo: E100 - Curcumina
    • Additivo: E950 - Acesulfame K
    • Additivo: E953 - Isomalto
    • Additivo: E955 - Sucralosio
    • Additivo: E965 - Maltitolo
    • Ingrediente: Agente di carica
    • Ingrediente: Colorante
    • Ingrediente: Aroma
    • Ingrediente: Edulcorante

    I prodotti alimentari sono classificati in 4 gruppi a seconda del loro grado di trasformazione:

    1. Alimenti non trasformati o minimamente trasformati
    2. Ingredienti culinari elaborati
    3. Alimenti trasformati
    4. Alimenti ultra-trasformati

    La determinazione del gruppo si basa sulla categoria del prodotto e sugli ingredienti che contiene.

    Scopri di più sulla classificazione NOVA

Additivi

  • E1200 - Polidestrosio


    Polydextrose: Polydextrose is a synthetic polymer of glucose. It is a food ingredient classified as soluble fiber by the U.S. Food and Drug Administration -FDA- as well as Health Canada, as of April 2013. It is frequently used to increase the dietary fiber content of food, to replace sugar, and to reduce calories and fat content. It is a multi-purpose food ingredient synthesized from dextrose -glucose-, plus about 10 percent sorbitol and 1 percent citric acid. Its E number is E1200. The FDA approved it in 1981. It is 0.1 times as sweet as sugar.
    Fonte: Wikipedia (Inglese)
  • E270 - Acido lattico


    Acido lattico: L'acido lattico -nome IUPAC: acido 2-idrossipropanoico- è un composto chimico di formula CH3-CH-OH--COOH, che svolge un ruolo rilevante in diversi processi biochimici. L'acido lattico è un acido carbossilico, la sua struttura si distingue da quella dell'acido propionico per la presenza di un gruppo -OH all'atomo centrale -stereocentro- di carbonio. La sua deprotonazione dà origine allo ione lattato. La costante di ionizzazione -pKa = 3.1 a 25 °C- è tale che a pH fisiologico la sostanza sia presente quasi interamente sotto forma di lattato. Sia l'acido che i suoi sali alcalini sono solubili in acqua. La molecola dell'acido lattico è chirale, ne esistono pertanto due enantiomeri. L'enantiomero che compare nei cicli metabolici dei sistemi viventi è l'acido S--+--lattico o acido L--+--lattico -in figura-.
    Fonte: Wikipedia
  • E296 - Acido malico


    Acido malico: L'acido malico, noto anche come acido di mela o acido fruttico in quanto si ritrova nelle mele -in particolare nella buccia- ed in altra frutta, è un acido organico alfa-idrossilato, presente sia nelle piante che negli animali, incluso l'uomo. Sotto forma del suo anione, il malato, l'acido malico è l'intermedio chiave nel principale ciclo di produzione dell'energia cellulare, noto come ciclo di Krebs o ciclo dell'acido citrico, che si svolge all'interno dei mitocondri. I derivati dell'acido malico sono noti come malati -da non confondersi con i maleati derivati dall'acido maleico-.
    Fonte: Wikipedia
  • E330 - Acido citrico


    Acido citrico: L'acido citrico è una sostanza solida, incolore, un acido tricarbossilico forte di Brønsted-Lowry, con formula bruta C6H8O7, solubile in acqua in un ampio intervallo di pH. Sebbene l'acido citrico sia uno degli acidi più diffusi negli organismi vegetali ed un prodotto metabolico degli organismi aerobici quando è in alte percentuali va maneggiato al pari degli acidi cloridrico, fluoridrico, nitrico, solforico, etc. Si trova in tracce nella frutta, soprattutto del genere Citrus: il succo di limone ne può contenere sino al 3-4% e l'arancia l'1%. È presente anche nei legni, nei funghi, nel tabacco, nel vino e persino nel latte. Ogni anno vengono prodotti più di un milione di tonnellate di acido citrico. È ampiamente utilizzato come igienizzante, acidificante, acido per il restauro e chelante.I derivati dell'acido citrico vengono chiamati citrati, che comprendono sia i sali e gli esteri sia l'anione poliatomico in soluzione. Un esempio di citrato è il citrato di sodio, un esempio di estere è il trietilcitrato.
    Fonte: Wikipedia
  • E950 - Acesulfame K


    Acesulfame K: L'acesulfame K è un edulcorante artificiale, chiamato anche acesulfame potassico -K è il simbolo del potassio-. È conosciuto anche come E950. L'acesulfame K, un sale di potassio, è stato scoperto casualmente nel 1967 dal chimico tedesco Karl Clauss, della compagnia Hoechst AG -oggi Nutrinova-.
    Fonte: Wikipedia
  • E953 - Isomalto


    Isomalto: L'isomalto è un sostituto dello zucchero, un alditolo principalmente usato per le sue caratteristiche fisiche simili a quelle dello zucchero. Ha un piccolo impatto sui livelli di glucosio nel sangue e non porta alla formazione di carie dentali. Fornisce 2kcal/g, la metà di quelle dello zucchero. Comunque, come la maggior parte degli alditoli comporta rischi legati a disturbi gastrici tra cui flatulenze e diarrea se consumato in grandi quantità. A causa delle sue proprietà lassative, è sconsigliato il consumo di isomalto in dosi superiori a 50g al giorno per gli adulti e 25g per i bambini. L'isomalto è generalmente combinato con sostanze ad alto potere dolcificante, come il sucralosio in maniera tale da ottenere una miscela con approssimativamente la dolcezza dello zucchero. È una sostanza cristallina, bianca e inodore, contenente all'incirca il 5% di acqua di cristallizzazione. L'isomalto non ha l'indesiderato "effetto di raffreddamento" proprio di altri zuccheri alcolici, in particolare lo xilitolo e l'eritriolo. L'isomalto è inusuale in quanto è uno zucchero alcolico prodotto dalle barbabietole. L'isomalto è prodotto in un processo a due fasi in cui lo zucchero è prima trasformato in isomaltosio, un disaccaride riducente -6-O-α-D-glucopiranosido-D-fruttosio-. L'isomaltosio è poi idrogenato usando un convertitore catalitico metallico. Il prodotto finale è una composizione equimolare di 6-O-α-D-glucopiranosio-D-sorbitolo -1‚6-GPS- e 1-O-α-D-glucopiranosio-D-mannitolo-diidrato -1‚1-GPM-diidrato-. L'isomalto è stato approvato per l'uso dagli USA dal 1990, è stato approvato anche in Australia, Italia, Nuova Zelanda e Paesi Bassi -nota: la lista dei paesi non è completa-. L'isomalto può essere utilizzato anche per la scultura di zucchero ed alcuni lo preferiscono allo zucchero in quanto cristallizza più lentamente.
    Fonte: Wikipedia
  • E955 - Sucralosio


    Sucralosio: Il sucralosio è un dolcificante artificiale. Nell'Unione europea è conosciuto anche col nome di E955. È 600 volte più dolce del saccarosio, cioè all'incirca il doppio più dolce della saccarina e quattro volte più dolce dell'aspartame. Viene prodotto per clorurazione selettiva dello zucchero, ovvero mediante la sostituzione selettiva di tre dei gruppi idrossilici dello zucchero da cucina -saccarosio- con altrettanti atomi di cloro, producendo così 1‚6-dicloro-1‚6-dideossi-β-D-frutto-furanosil 4-cloro-4-deossi-α-D-galattopiranoside o C12H19Cl3O8. A differenza dell'aspartame questo composto è termostabile -non si degrada col calore- ed è insensibile a un ampio range di pH. Può quindi essere usato per i dolci da forno o in prodotti che richiedono di conservarsi a lungo.
    Fonte: Wikipedia
  • E965 - Maltitolo


    Maltitolo: Il maltitolo -O-alfa-D-glucopiranosil-1-4-beta-D-glucitolo- è un prodotto naturale che si ottiene da sciroppo di maltosio idrogenato cataliticamente: uno dei due anelli si apre dando luogo a un disaccaride alcoolico con legame 1-4, formato da glucosio e sorbitolo. Isoforme del maltitolo, con formula C12H24O11, sono l'isomaltitolo, miscela equimolecolare di alfa-D-glucopiranosil-1-6-mannitolo e alfa-D-glucopiranosil-1-6-mannitolo, e il lattitolo -O-beta-D-glucopiranosil-1-4-beta-D-glucitolo-, ottenuto per idrogenazione catalitica del lattosio. Entrambe le isoforme sono poco assorbite -rispettivamente 10 e 2% della dose assunta-, contro il 40% di assorbimento del maltitolo. Questo fa sì che isomaltitolo e lattitolo producano una maggior fermentazione a livello intestinale -90 e 98%, rispettivamente- contro il 60% del maltitolo. Lo sciroppo di maltitolo è una miscela contenente non < 99% di saccaridi idrogenati totali su base anidra e non < 50% di maltitolo su base anidra. Il maltitolo è utilizzato come dolcificante, dato che ha il 75% della dolcezza del saccarosio, il comune zucchero da tavola, in particolare nel cioccolato, nei chewing gum e nelle caramelle e anche in alcuni prodotti cosmetici e farmaceutici. L'impiego dei polioli, come il maltitolo, è stato riportato ridurre la formazione della placca dentale e di conseguenza il rischio di carie. È noto infatti che gli zuccheri, come il saccarosio, sono i principali responsabili della carie in quanto i batteri presenti nella bocca li trasformano in sostanze che contribuiscono a formare la placca che si deposita sui denti. Questa è la ragione per cui i polioli sono stati descritti come “tooth friendly” e approvati dalla Comunità Europea nel 1994 come ingredienti nei prodotti “senza zucchero”. Il potere calorico del maltitolo è pari a circa il 60% rispetto agli zuccheri convenzionali: secondo i dati della EC Nutrition and Labeling Directive, un grammo di maltitolo corrisponde a circa 2.4 kCal rispetto alle 4.0 kCal di un grammo di saccarosio. Lo sciroppo di maltitolo ha invece circa 3 kCal/g. Questa sua proprietà è particolarmente apprezzata nei casi in cui è necessario controllare l'apporto energetico, come nei soggetti obesi o in sovrappeso. Il maltitolo ha un indice glicemico pari al 53% di quello del saccarosio anche se più elevato di quello del fruttosio che è circa del 20%. Per questa sua caratteristica, dal punto di vista medico-sanitario il maltitolo, come altri dolcificanti calorici alternativi, è più adatto del saccarosio per i soggetti diabetici in quanto il suo metabolismo è insulino-indipendente ed ha un indice insulinemico di circa il 75%. Questo significa che il suo impiego ha un effetto inferiore, rispetto al saccarosio, sui livelli di insulina nel sangue. Il maltitolo, come gli altri polialcoli, è poco assorbito a livello gastrico e quindi, un consumo elevato di questa sostanza può portare ad un'accelerazione del transito intestinale fino ad avere effetti lassativi. La tolleranza è individuale e dipende dalla frequenza con cui viene assunto e dalla dose ingerita. Di solito una dose compresa tra i 50 e i 70 g/die, diluita durante la giornata è ben tollerata dai soggetti adulti. Sono stati effettuati studi di tossicità acuta e sub cronica, mutagenesi e studi di tolleranza con prodotti contenenti il 50-90 % di maltitolo. I dati metabolici indicano che il maltitolo è metabolizzato, lentamente ma completamente, a glucosio e saccarosio nel ratto e nell'uomo, soprattutto dalla maltasi presente nella microflora intestinale. I dati ottenuti nell'uomo indicano che l'assorbimento varia dal 5 all'80%, secondo i modelli utilizzati per lo studio, e che la quantità di maltitolo come tale presente nelle urine è inferiore allo 0.05% della dose somministrata.
    Fonte: Wikipedia
  • E965ii - Sciroppo di maltitolo


    Maltitolo: Il maltitolo -O-alfa-D-glucopiranosil-1-4-beta-D-glucitolo- è un prodotto naturale che si ottiene da sciroppo di maltosio idrogenato cataliticamente: uno dei due anelli si apre dando luogo a un disaccaride alcoolico con legame 1-4, formato da glucosio e sorbitolo. Isoforme del maltitolo, con formula C12H24O11, sono l'isomaltitolo, miscela equimolecolare di alfa-D-glucopiranosil-1-6-mannitolo e alfa-D-glucopiranosil-1-6-mannitolo, e il lattitolo -O-beta-D-glucopiranosil-1-4-beta-D-glucitolo-, ottenuto per idrogenazione catalitica del lattosio. Entrambe le isoforme sono poco assorbite -rispettivamente 10 e 2% della dose assunta-, contro il 40% di assorbimento del maltitolo. Questo fa sì che isomaltitolo e lattitolo producano una maggior fermentazione a livello intestinale -90 e 98%, rispettivamente- contro il 60% del maltitolo. Lo sciroppo di maltitolo è una miscela contenente non < 99% di saccaridi idrogenati totali su base anidra e non < 50% di maltitolo su base anidra. Il maltitolo è utilizzato come dolcificante, dato che ha il 75% della dolcezza del saccarosio, il comune zucchero da tavola, in particolare nel cioccolato, nei chewing gum e nelle caramelle e anche in alcuni prodotti cosmetici e farmaceutici. L'impiego dei polioli, come il maltitolo, è stato riportato ridurre la formazione della placca dentale e di conseguenza il rischio di carie. È noto infatti che gli zuccheri, come il saccarosio, sono i principali responsabili della carie in quanto i batteri presenti nella bocca li trasformano in sostanze che contribuiscono a formare la placca che si deposita sui denti. Questa è la ragione per cui i polioli sono stati descritti come “tooth friendly” e approvati dalla Comunità Europea nel 1994 come ingredienti nei prodotti “senza zucchero”. Il potere calorico del maltitolo è pari a circa il 60% rispetto agli zuccheri convenzionali: secondo i dati della EC Nutrition and Labeling Directive, un grammo di maltitolo corrisponde a circa 2.4 kCal rispetto alle 4.0 kCal di un grammo di saccarosio. Lo sciroppo di maltitolo ha invece circa 3 kCal/g. Questa sua proprietà è particolarmente apprezzata nei casi in cui è necessario controllare l'apporto energetico, come nei soggetti obesi o in sovrappeso. Il maltitolo ha un indice glicemico pari al 53% di quello del saccarosio anche se più elevato di quello del fruttosio che è circa del 20%. Per questa sua caratteristica, dal punto di vista medico-sanitario il maltitolo, come altri dolcificanti calorici alternativi, è più adatto del saccarosio per i soggetti diabetici in quanto il suo metabolismo è insulino-indipendente ed ha un indice insulinemico di circa il 75%. Questo significa che il suo impiego ha un effetto inferiore, rispetto al saccarosio, sui livelli di insulina nel sangue. Il maltitolo, come gli altri polialcoli, è poco assorbito a livello gastrico e quindi, un consumo elevato di questa sostanza può portare ad un'accelerazione del transito intestinale fino ad avere effetti lassativi. La tolleranza è individuale e dipende dalla frequenza con cui viene assunto e dalla dose ingerita. Di solito una dose compresa tra i 50 e i 70 g/die, diluita durante la giornata è ben tollerata dai soggetti adulti. Sono stati effettuati studi di tossicità acuta e sub cronica, mutagenesi e studi di tolleranza con prodotti contenenti il 50-90 % di maltitolo. I dati metabolici indicano che il maltitolo è metabolizzato, lentamente ma completamente, a glucosio e saccarosio nel ratto e nell'uomo, soprattutto dalla maltasi presente nella microflora intestinale. I dati ottenuti nell'uomo indicano che l'assorbimento varia dal 5 all'80%, secondo i modelli utilizzati per lo studio, e che la quantità di maltitolo come tale presente nelle urine è inferiore allo 0.05% della dose somministrata.
    Fonte: Wikipedia

Analisi degli ingredienti

L'analisi si basa esclusivamente sugli ingredienti elencati e non tiene conto dei metodi di elaborazione.
  • icon

    Dettagli dell'analisi degli ingredienti


    it: edulcoranti (isomalto, sciroppo di maltitolo, acesulfame K, sucralosio), agente di carica (polidestrosio), frutta 3% (arancia, limone, pompelmo), acidificanti (acido lattico, acido malico, acido citrico), vitamina C (L-ascorbato di sodio), aromi, stabilizzante (glicerolo), vegetale (cartamo, limone, aronia), estratto di sambuco, colorante (curcumina)
    1. edulcoranti -> en:sweetener - percent_min: 27.5 - percent_max: 94
      1. isomalto -> en:e953 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 6.875 - percent_max: 94
      2. sciroppo di maltitolo -> en:e965ii - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 47
      3. acesulfame K -> en:e950 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 31.3333333333333
      4. sucralosio -> en:e955 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 23.5
    2. agente di carica -> en:bulking-agent - percent_min: 3 - percent_max: 48.5
      1. polidestrosio -> en:e1200 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 3 - percent_max: 48.5
    3. frutta -> en:fruit - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 3 - percent: 3 - percent_max: 3
      1. arancia -> en:orange - vegan: yes - vegetarian: yes - ciqual_proxy_food_code: 13034 - percent_min: 1 - percent_max: 3
      2. limone -> en:lemon - vegan: yes - vegetarian: yes - ciqual_proxy_food_code: 13009 - percent_min: 0 - percent_max: 1.5
      3. pompelmo -> en:grapefruit - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 1
    4. acidificanti -> en:acid - percent_min: 0 - percent_max: 3
      1. acido lattico -> en:e270 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 3
      2. acido malico -> en:e296 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 1.5
      3. acido citrico -> en:e330 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 1
    5. vitamina C -> en:vitamin-c - percent_min: 0 - percent_max: 3
      1. L-ascorbato di sodio -> en:e301 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 3
    6. aromi -> en:flavouring - vegan: maybe - vegetarian: maybe - percent_min: 0 - percent_max: 3
    7. stabilizzante -> en:stabiliser - percent_min: 0 - percent_max: 3
      1. glicerolo -> en:e422 - vegan: maybe - vegetarian: maybe - percent_min: 0 - percent_max: 3
    8. vegetale -> en:vegetable - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 3
      1. cartamo -> en:safflower - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 3
      2. limone -> en:lemon - vegan: yes - vegetarian: yes - ciqual_proxy_food_code: 13009 - percent_min: 0 - percent_max: 1.5
      3. aronia -> en:chokeberry - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 1
    9. estratto di sambuco -> en:elderberry-extract - vegan: yes - vegetarian: yes - ciqual_food_code: 13126 - percent_min: 0 - percent_max: 3
    10. colorante -> en:colour - percent_min: 0 - percent_max: 3
      1. curcumina -> en:e100 - vegan: yes - vegetarian: yes - percent_min: 0 - percent_max: 3

Ambiente

Impronta carbonica

Confezionamento

Trasporto

Segnala un problema

Sorgenti dati

Prodotto aggiunto il da kiliweb
Ultima modifica della pagina del prodotto il da aleene.
Pagina del prodotto modificata anche da davidepio, ecoscore-impact-estimator, elcoco, foodrepo, inf, maxjus, musarana, openfoodfacts-contributors, pasthor, roboto-app, scanbot, telperion87, teolemon, thaialagata, yuka.UzU0c0NwMFAvY0JRbWZRUzRpSFdxOUY0bmFmelZHbWFkYzBVSVE9PQ, yuka.sY2b0xO6T85zoF3NwEKvlnV-dOr_iWL0PD7Unm7U-_2fAoSze-pt66vqNKg.

Se i dati sono incompleti o errati puoi completarli o correggerli modificando questa pagina.